BOCCATE DI RISTORO


Ascoltando uno dei tanti interventi della Lucangeli mi sono soffermata su una delle briciole di Nevegal intitolata "Boccate di ristoro". 
È necessario "arricchire l'insegnamento di tantissime frequenti esperienze di emozioni ad alta positiva intensità e breve durata perché lasciano libere le funzioni cognitive di continuare ad apprendere"; bisogna "nutrirne tante, spezzettare la lezione in moltissimi momenti di ristoro, come se fossero i pianerottoli delle scale, perché se non mettiamo questi momenti di ristoro, IL CIRCUITO VA IN CORTOCIRCUITO".
Ecco che quindi, durante le mie lezioni, sono frequenti i momenti di movimento, di pausa per sgranchirsi, chiacchierare un po' o stare per proprio conto in un angolo della classe, per proporre giochi "energizzanti". Se non ci fossero questi i momenti, l'attenzione, già di brevissima durata, diverrebbe più scarsa e la tensione e la stanchezza aumenterebbero.

Nel link l'intervento di Daniela Lucangeli:
https://www.facebook.com/danielalucangeliofficial/videos/284767825458453/?v=284767825458453

Visita il mio profilo Instagram, dove troverai, oltre a tante attività didattiche, anche moltissimi suggerimenti di lettura.
https://www.instagram.com/la_scuola_tartalenta/

Commenti

Post più popolari